Content marketing e contenuti per e-commerce: benefici, strategie ed esempi - Digital Marketing Blog - Communication Village

Content marketing e contenuti per e-commerce: benefici, strategie ed esempi Cos'è il content marketing? Come metterlo in pratica per un e-commerce? Quali vantaggi e benefici è in grado di portare a un sito di commercio elettronico?

Content marketing e contenuti per e-commerce_benefici strategie ed esempi

Seguici su Telegram!
Riceverai tutti i nostri aggiornamenti e le nostre rassegne di Digital Marketing

Iscriviti al canale Telegram di Communication Village

 

Il content marketing e la creazione di contenuti in generale sono una strategia troppe volte messa da parte dalle aziende, anche da coloro che possiedono un e-commerce. Chi rientra in questa categoria solitamente pensa che avere creato un sito con i prodotti basti per convincere l’utente a comprare sottovalutando i tanti benefici che una strategia di content marketing potrebbe portare agli affari.

Va detto che il content marketing difficilmente conduce da solo alla vendita dei prodotti e in fondo non è questo il suo scopo. L’obiettivo è quello di interessare e di intercettare gusti o necessità dell’utente per poi presentargli il prodotto come la soluzione ai suoi problemi. Proprio questa mancanza di conversione immediata porta molte aziende a preferire altri metodi e strategie nonostante in fin dei conti il content marketing sia tra le meno costose e tra quelle che se fatte bene porta maggiori benefici nel medio-lungo termine.

Ha senso quindi per un e-commerce mettere in campo strategie di content marketing? Risponderemo a questa domanda non solo mostrando i benefici che possono derivare dalla creazione di contenuti, ma anche suggerendo qualche strategia e fornendo esempi pratici di aziende reali.

 

I benefici del content marketing per gli e-commerce

Il content marketing aiuta a vendere

È vero: difficilmente riuscirete a ottenere una conversione diretta e immediata grazie a un articolo, ma quel che è certo è che avrete piantato un seme prezioso nella relazione con il cliente che potrebbe fare la differenza. In gergo si parla di touchpoint o punti di contatto per intendere quelle azioni necessarie perché un utente sia pronto a comprare e trasformarsi in un cliente vero e proprio.

Molti pensano che bastino per questo i contenuti canonici di un sito di e-commerce come la scheda prodotto. La realtà è che il cliente potrebbe essere stato interessato da un vostro post su Facebook, ma una volta atterrato sul vostro sito non essere pronto ad acquistare per esempio perché la vostra azienda è ancora nuova sul mercato. Se avrete previsto sul vostro sito una sezione blog o news nella quale spiegate non solo chi siete ma mostrate interesse e competenza riguardo i problemi e le necessità dell’utente, sicuramente avrete maggiori probabilità di abbattere le sue barriere.

Libro di Silvia Podestà - Digital design per piccoli business

 

 

Grazie al content marketing potrete dimostrare di essere diversi dagli altri

Un altro errore che commettono coloro che approdano sul web è pensare che basti esserci perché arrivino i clienti. Non è più così: ormai i concorrenti sono davvero numerosi e non potete pretendere che il cliente abbia tempo e voglia di spulciare tutto il vostro sito e i vostri prodotti per poi comprendere cosa vi rende così speciali. Dovete essere voi a dimostrarglielo e a comunicare e mettere in luce i vostri punti di forza.

Il content marketing assolve anche a questo compito perché consente direttamente o indirettamente di parlare della vostra azienda e dei vostri prodotti e ci sono anche aziende che apertamente mettono a confronto i propri prodotti con quelli dei competitor. Questo non significa affatto che tutti gli e-commerce debbano parlare dei propri concorrenti, il più delle volte basta parlare di sé e saranno gli utenti a trarre le proprie conclusioni.

 

Il content marketing porta benefici anche in termini di SEO

Curare la SEO è un compito importante da svolgere per tutti i siti, non solo per gli e-commerce. Il content marketing rientra tra le operazioni di ottimizzazione di un sito web in quanto, se fatto bene, si tratta di una serie di contenuti progettati sulla base del target di riferimento e delle parole chiave più interessanti.

I benefici in termini di SEO sono anche il motivo per il quale gli sforzi di content marketing sono considerati i più duraturi: una volta pubblicati i contenuti possibilmente con regolarità i motori di ricerca non potranno non notarvi e con essi anche gli utenti che effettuano ricerche su questi temi.

 

Strategie di content marketing

Storytelling

Potete approfittare dei contenuti che andrete a creare per raccontare delle storie e consentire agli utenti di conoscere meglio la vostra azienda e i vostri prodotti. Potreste raccontare le origini, i valori e come vengono prodotti in modo da rendere l’esperienza più umana e familiare.

Lo storytelling può anche coinvolgere gli utenti: potreste riservare uno spazio alle loro esperienze o a quelle degli influencer che hanno provato i vostri prodotti in modo da sottolineare i benefici e rappresentare anche dei casi d’uso concreti che nel caso di un e-commerce non è sempre semplice avere.

 

Contenuti evergreen

I contenuti evergreen sono quei tipi di contenuti che non perdono di efficacia nel tempo perché trattano argomenti sempre attuali. Sono contenuti essenziali che non possono mancare all’interno di una strategia di content marketing che si rispetti perché sono i più importanti in termini di SEO.

Di solito si tratta di contenuti educativi che spiegano come usare il prodotto o in generale come risolvere determinati problemi o che rispondono a domande che potrebbero porsi gli utenti fornendo il prodotto come risposta e soluzione.

 

Recensioni

Le recensioni sono molto preziose per gli e-commerce perché forniscono una prova per gli altri utenti rispetto all’affidabilità della vostra azienda e dei vostri prodotti. Occorre quindi sempre prevedere uno spazio che consenta agli utenti di lasciare la propria opinione.

Le recensioni sono contenuti ben visti anche dai motori di ricerca pertanto non solo ne gioverà la vostra reputazione ma anche il posizionamento.

 

Tutorial

I tutorial sono tra i contenuti di maggior successo. Di norma si trovano sotto forma di video e consentono di mostrare il prodotto all’opera.

Sono molto usati per esempio dalle aziende di cosmetici che possono rivolgersi sia a professionisti del settore che a influencer. Ma potrebbero fare al caso vostro anche se operate nel campo del food: se vendete farine, pasta ma anche condimenti e conserve potrebbe essere un’ottima idea quella di girare dei video in cui mostrare la realizzazione di una ricetta.

 

Esempi di utilizzo reale dei prodotti

Le persone possono usare i vostri prodotti in molti modi. I tutorial insegnano a usarli, ma è anche possibile semplicemente raccontare come chi ha acquistato il prodotto l’ha utilizzato.

Situazioni calate nella vita reale, in cui si vede il prodotto all’opera e si mostrano, anche in modo creativo, le possibilità in cui questo può soddisfare bisogni diversi in contesti diversi. Quando un cliente potenziale vede il modo in cui un cliente soddisfatto beneficia dei vantaggi di un prodotto e trae piacere concreto dal possederlo e impiegarlo nella sua quotidianità, è a un passo dal decidersi a comprarlo.

 

Glossario

Questa è una mossa importante soprattutto se operate in un mercato poco conosciuto o di settore. Gli utenti potrebbero faticare a comprendere appieno le caratteristiche di un prodotto se non capiscono il significato di determinati termini e grazie al glossario fornirete la giusta assistenza. Inoltre i glossari si posizionano bene sui motori di ricerca proprio perché per definizione ricchi di parole chiave.

Creare apposite sezioni in cui elencare tutte le parole più significative che riguardano i vostri prodotti o servizi significa anche permettere ai invogliare i vostri potenziali clienti a volerne sapere di più, a incuriosirsi e quindi a comprendere meglio l’utilità che potrebbe avere per loro ciò che avete da offrirgli. Un passo in più verso la decisione d’acquisto!

 

Non dimenticare le FAQ

Tutti gli e-commerce dovrebbero prevedere una sezione dedicata alle domande più comuni. Questo non significa che in questo modo sarete assolti dall’essere precisi nelle altre sezioni del sito.

Le schede prodotto devono essere esaurienti, così come le pagine dedicate al diritto di recesso o reso, ma raccogliere queste e tutte le altre informazioni utili per gli utenti in una sezione apposita si rivelerà molto utile sia per i clienti acquisiti che per quelli potenziali. Potreste approfittare della sezione per spiegare per esempio come si usano i vostri prodotti o come averne cura perché durino nel tempo.

 

Esempi di content marketing per e-commerce

Ikea

Il colosso svedese ha messo in campo nel tempo diverse campagne per caricare di emozioni la propria strategia di comunicazione attraverso il racconto o la messa in scienza di storie. La campagna attualmente in atto pone l’accento sull’importanza di uno stile di vita più sostenibile. Per questo c’è un’ampia sezione dedicata a questi temi all’interno del loro sito nella quale si fa riferimento anche direttamente ai loro prodotti, ma non in maniera esclusiva.

Storytelling IKEA

 

Eataly

Eataly presenta una vasta gamma di prodotti nel settore del food and beverage e un’interessante sezione Magazine con all’interno diversi tipi di contenuti. Molti di questi rientrano nella categoria evergreen.

Evergreen_Eataly

Lush

Lush è un’azienda di cosmetici che ha fatto del cruelty free il suo marchio di fabbrica nonché la sua missione. Ogni scheda prodotto ospita al suo interno uno spazio dedicato alle recensioni anche multilingue. L’azienda opera infatti anche su altri mercati e fa in modo che le esperienze di tutti i suoi clienti siano condivise.

Recensioni_Lush

Etsy

Etsy ha un blog molto completo e aggiornato con i contenuti più disparati. Interessante è come abbiano deciso di spingere tramite il content marketing l’acquisto di pensierini per Pasqua. L’azienda ha fornito un vero e proprio tutorial con foto e ricetta per creare a casa propria un originale uovo di Pasqua per poi decorarlo e riempirlo dando libero sfogo alla propria creatività.

Etsy_Tutorial

Interflora

Interflora consente di ordinare e creare online il bouquet o la composizione di fiori e piante adatti per ogni occasione. Al suo interno ci sono diverse sezioni che ospitano contenuti, ma una interessante è quella dedicata al linguaggio dei fiori. Qui si fa una disamina del significato non solo dei nomi, ma anche dei colori e l’azienda fornisce indicazioni ai clienti sulla scelta più adatta alle loro esigenze e intenzioni.

Interflora_glossario

Bottega Verde

Bottega Verde fornisce un esempio ben fatto di pagina dedicata alle FAQ. Le probabili richieste dell’utente sono divise per categorie al cui interno trovano spazio le varie domande con le relative risposte.

Bottega Verde_FAQ

 

Il content marketing è una strategia che gli e-commerce non dovrebbe in nessun caso sottovalutare o mettere da parte, visti i grandi benefici che comporta. L’ostacolo più grande potrebbe essere rappresentato dalla mancanza di un content creator e manager di professione.
Se desideri sapere come possiamo aiutarti a creare contenuti efficaci per il tuo sito, contattaci e creeremo insieme un piano su misura per il tuo business.

Related posts

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top

Privacy Preference Center

PHPSSESSID

Cookie generato da applicazioni basate sul linguaggio PHP. Serve per mantenere e gestire le variabili connesse alle sessioni dell'utente e mantenere ala continuità nella sessione di visità al sito (per esempio link già visitati, eventuali login ad aree riservate del sito, ecc.).

PHPSSESSID

Google Analytics

Cookie associati a Google Analytics e a Google Universal Analytics - che è un update al servizio di Google Analytics più comunemente usato. Questi cookie sono usati per distinguere gli utenti unici in visita al sito. Sono inclusi in ogni richiesta di pagina di un sito per calcolare i visitatori, le sessioni e i dati delle campagne e visualizzarli nei report degli analytics del sito. Di default sono comunemente settati per scadere dopo due anni.

_ga, _gid

GDPR Widget

Cookie legati al widget di WordPress che consente di accettare o rifiutare altri cookie o i tracciamenti effettuati da applicazioni, siti, software, ecc. di terze parti.

gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types]

AddThis

Questo cookie è associato con il widget di social sharing AddThis che si trova nel sito per permettere ai visitatori di condividere contenuti in una quantità di social network e altri siti. Conteggia le condivisioni effettuate. Serve a garantire la funzionalità del servizio.

__atuvc, __atuvs

AddThis 2

Cookie di AddThis che rilevano e tracciano vari comportamenti effettuati dagli utenti nel sito a scopi statistici.

ouid, loc, mus, uid, uvc