Ogni quanto conviene postare sui social e qual è la frequenza di pubblicazione ideale? - Blog di digital marketing e social media marketing di Communication Village

Ogni quanto conviene postare sui social e qual è la frequenza di pubblicazione ideale? Qual è la frequenza migliore per pubblicare con successo contenuti nei principali social media? In particolare ogni quanto tempo è opportuno postare in Facebook, Instagram, Twitter e LinkedIn?

Frequenza di pubblicazione nei social media
Consulenza gratuita di Digital Marketing di Communication Village

Ogni quanto è opportuno postare contenuti sui social media? Qual è la frequenza ideale per pubblicare post in modo da raggiungere il più alto numero di utenti in modo costante? Se si dovesse fare una classifica di tutte le domande che la quasi totalità dei social media marketer si pongono più spesso, queste sicuramente occuperebbero le prime posizioni.

Non c’è dubbio che per attuare una strategia di social media marketing vincente oggi occorre mettere insieme una quantità di fattori che vanno ben oltre il semplice numero di post settimanali da pubblicare. Allo stesso modo è certo che per sfruttare al massimo grado la portata organica che gli algoritmi concedono ai post pubblicati (senza ricorrere alle sponsorizzazioni) bisogna mettere online contenuti a un ritmo regolare e preciso.

La giusta frequenza di pubblicazione aiuta a conseguire diversi risultati:

  • si possono raggiungere più utenti semplicemente sfruttando la forza dell’algoritmo di ciascun social media
  • si dà agli utenti la sensazione di avere una presenza costante e regolare nei social e di curare con attenzione la qualità della comunicazione aziendale
  • si ottimizzano i tempi di lavoro – l’ideazione e la pianificazione dei contenuti da pubblicare – in modo da ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo.

 

Ciascun social media ha le sue specificità e quindi impone delle tempistiche di pubblicazione diverse. All’interno di uno stesso social poi è possibile postare contenuti in aree differenti (in Instagram per esempio nel Feed e nelle Storie) con frequenze distinte.

Ecco allora un quadro complessivo dei ritmi di pubblicazione ideali per i principali social, fermo restando che le indicazioni di massima possono essere opportunamente adattate e personalizzate in base alle esigenze particolari di comunicazione e alle statistiche di interazione degli utenti con i post in varie situazioni di pubblicazione.

 

Frequenza ideale di pubblicazione nelle pagine Facebook

Le pagine Facebook hanno un algoritmo sempre meno benevolo verso i contenuti pubblicati. Ormai parliamo di percentuali di visibilità media di un post raramente superiori al 7% e mediamente attestate intorno al 4% di tutti i like della pagina.

Per sfruttare al massimo l’esigua portata organica dell’algoritmo, Hootsuite consiglia di pubblicare mediamente 1 post al giorno. Si deve tenere presente che tendenzialmente l’algoritmo distribuisce la portata organica quotidiana attribuita alla pagina su tutti i post pubblicati, per cui se si pubblica più di 1 post al giorno il secondo assorbe parte della visibilità potenziale del primo. Per questa ragione non conviene assolutamente pubblicare più di 2 post al giorno.

 

Frequenza ideale di pubblicazione in Instagram

L’algoritmo di Instagram è solitamente più generoso di quello di Facebook, a condizione di ottenere un forte engagement con il pubblico. Gli hashtag, molto più utilizzati e significativi in Instagram che in Facebook, aiutano ulteriormente a offrire visibilità a un post.

Adam Mosseri, capo produzione di Instagram, consiglia di pubblicare 2 post alla settimana nel Feed e fino a 2 Storie al giorno. Questo ritmo permette di sviluppare in modo regolare la crescita di follower e la visibilità dell’account. Volendo è anche possibile pubblicare nel feed anche fino a 1 volta al giorno, ma il rapporto costo/beneficio è leggermente svantaggioso rispetto alla frequenza indicata da Mosseri.

Da notare che le aziende mediamente pubblicano una media di 1,56 post giornalieri nel loro Feed. Ovviamente è un impegno considerevole, ma sicuramente nel tempo può essere ripagato da una crescita costante dei follower.

In generale va tenuta in considerazione questa osservazione di Neil Patel: “Se si inizia pubblicando parecchie volte al giorno e poi dopo un certo periodo si passa a postare contenuti solo qualche volta alla settimana, si inizieranno a perdere follower e il livello di engagement di ciascun post si ridurrà. Questo vuol dire che la frequenza migliore di pubblicazione su Instagram è la frequenza di pubblicazione massima che si può riuscire a mantenere per sempre senza interruzioni”.

 

Frequenza ideale di pubblicazione in Twitter

Twitter ha un tempo di decadimento della visibilità dei post molto più rapido rispetto a tutti gli altri social media. La vita media stimata di un tweet è addirittura di 24 minuti, perciò conviene postare più contenuti al giorno.

In generale per assicurarsi una presenza significativa in Twitter non si dovrebbe postare meno di 2 tweet al giorno. Gli utenti più attivi possono arrivare a pubblicare anche 100 tweet al giorno, ma i risultati non sempre sono premianti rispetto allo sforzo fatto.

Per ottenere ottimi risultati una buona formula è pubblicare tra 5 e 10 tweet al giorno, inclusi i retweet di contenuti significativi e di valore.

Per quanto riguarda il tipo di contenuti, solo un terzo dei tweet pubblicati dovrebbero essere specificamente promozionali del brand, mentre gli altri dovrebbero fornire contenuti informativi o indurre al coinvolgimento degli utenti con domande, opinioni, suggerimenti.

 

Frequenza ideale di pubblicazione in LinkedIn

La frequenza di pubblicazione ideale in LinkedIn è condizionata dal fatto che la maggior parte delle attività sono svolte dai profili individuali. Le aziende in realtà sono rappresentate perlopiù dai loro professionisti chiave.

In questo contesto una buona norma valida per tutti i post è pubblicare contenuti almeno 1 volta al giorno. LinkedIn stesso suggerisce di pubblicare tra 3 volte alla settimana e 2 volte al giorno. Ad ogni modo superare la soglia di 2 post quotidiani non è consigliabile, perché l’engagement e la visibilità specifica del post si riduce fortemente.

 

Consigli generali legati alla frequenza di pubblicazione validi per tutti i social media

Qualsiasi sia il canale social che si sta alimentando con dei contenuti, conviene sempre seguire questi suggerimenti.

  • Alla base di tutto, si deve attuare un piano strutturato di contenuti che sia sempre costante e perfettamente cadenzato. A questo scopo non si può improvvisare la pubblicazione giorno per giorno, è indispensabile un piano editoriale ben definito e articolato con respiro mensile o almeno bisettimanale.
  • Tenere in considerazione le abitudini rilevate della propria audience specifica. Quando è più probabile che sia online? Quanto tempo passa sui social? Che tipo di interazioni predilige?
  • Pubblicare contenuti significativi e non solo per riempire un vuoto o per essere presenti a qualsiasi costo.
  • Scegliere i contenuti più apprezzati in ciascun social. Ad esempio in Facebook l’algoritmo dà più valorizzazione ai video, mentre in Instagram ha poco senso tentare di rilanciare un post di un blog del sito aziendale.
  • Ottimizzare i contenuti disponibili ai formati di ciascun social e di ciascuna area in cui si pubblica. Per esempio un contenuto formattato per essere ben visibile nel Feed di Instagram quasi sempre deve essere rimaneggiato per diventare una buona Storia.
  • Puntare sempre il più possibile al coinvolgimento e alla relazione con gli utenti.

 

Se volete consigli e supporto su come sviluppare le vostre attività di social media marketing e in generale per rendere proficuo al massimo grado il digital marketing della vostra azienda contattateci! Siamo a vostra disposizione con le nostre competenze e i nostri servizi per sviluppare il vostro business usando al meglio tutti i canali online.

Related posts

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top