Come migliorare un sito e-commerce che non vende abbastanza - Blog di web marketing e social media marketing di Communication Village

Come migliorare un sito e-commerce che non vende abbastanza Alcuni consigli su come migliorare un sito di e-commerce che non vende bene e portarlo a ottenere risultati economici di valore

Come migliorare le prestazione di un sito e-commerce
Corso social media e digital marketing

Come migliorare un sito di e-commerce che non vende bene e portarlo a ottenere delle prestazioni eccellenti? Si tratta di un processo tutt’altro che banale in quanto racchiude due livelli di complessità: da un lato si deve curare la creazione di un sito coerente, leggibile e gradevole in modo da attirare i visitatori e convincerli a restare. Dall’altro si deve badare alla presentazione dei prodotti e fare in modo che il processo di acquisto sia lineare e meno farraginoso possibile.

Da ciò consegue che, ancor prima di chiedersi come aumentare il volume di traffico in entrata o come strutturare una strategia di marketing al servizio del proprio e-commerce, ci siano una serie di interventi e situazioni preliminari cui si deve badare per non lasciare niente al caso.

 

1. Ottimizzazione dell’intero sito

Come dicevamo, quando si decide di realizzare un sito di e-commerce non si deve dimenticare innanzitutto che è, appunto, un sito e come tale va curato sin nei minimi dettagli. Dobbiamo sincerarci di avere badato a tutto: dal design, al font, passando per i menu e la pagina contatti. Chi si imbatte nel sito deve restare affascinato e incuriosito e pertanto occorre costruirlo in modo tale da guidare il visitatore passo passo nella scoperta dei prodotti e del loro valore.

Un modo per iniziare, ancor prima di optare per inserzioni a pagamento sui social network o tramite campagne PPC, è curare i contenuti in modo che contengano le parole chiave di riferimento per il mercato nel quale si opera e per il target di clienti ai quali l’azienda punta.

Non si deve dimenticare poi che oggi la maggior parte degli accessi ai siti anche di e-commerce avviene da dispositivi mobile: si deve fare in modo quindi di verificare che le funzionalità del sito siano perfette anche nella versione mobile, in modo da non dovere rinunciare a una grande fetta di clienti anche potenziali.

 

2. Qualità delle fotografie

Mancando l’esperienza in negozio, si deve riservare la giusta attenzione alla scelta delle foto che ritraggono i prodotti in vendita. Le fotografie devono essere sempre di grande qualità, perciò se non si dispone di immagini eccellenti allora è una scelta obbligata investire una parte del budget nel lavoro di un fotografo professionista.

Una volta che si avrà una quantità di foto buone, si può anche pensare a implementare sistemi che consentano di zoomare le immagini, in modo da permettere agli utenti di vedere meglio i prodotti proposti. Va bene anche apportare qualche fotoritocco in modo da dare al prodotto un look più originale e stuzzicante, ma sempre senza esagerare, per evitare che la foto risulti artefatta.

 

3. Mettere in risalto il proprio valore e quello dei propri prodotti

L’intero sito deve trasudare attenzione e cura per i dettagli in modo da convincere gli utenti a preferire la vostra azienda e i vostri prodotti a quelli dei competitor. Sappiamo che un’arma vincente in questo caso può essere metterne in risalto i benefici, piuttosto che semplicemente elencare le caratteristiche che li descrivono.

Attenzione quindi alle schede prodotto e a come presentate ciò che vendete: siamo tutti capaci di descrivere analiticamente le specifiche di un prodotto, ma ciò che si deve fare è costruire una storia e un immaginario che emozionino il cliente e lo convincano ad acquistare.

Bisogna sempre tenere a mente che un cliente non compra quasi mai le caratteristiche tecniche, ma la soddisfazione dei suoi bisogni o l’appagamento dei suoi desideri. Poco importa entrare nei dettagli delle caratteristiche costruttive di un prodotto: la maggior parte dei clienti o non le capirà o comunque non sarà in grado di valutarle. Invece si deve puntare a comunicare cosa si potrà fare con il prodotto una volta acquistato e come il prodotto risolve i problemi tipici di chi vorrebbe un oggetto o un servizio di quel genere.

Un asso nella manica in quest’ottica può essere rappresentato dalle recensioni dei clienti che già hanno provato i prodotti e che quindi parleranno della loro esperienza d’uso. Qualora ci si rendesse conto che sono restii a lasciarne, si deve prevedere l’invio di un’email post acquisto che richieda loro di lasciare un commento sulla propria esperienza. In generale, impiegare strumenti di contatto diretto con gli utenti può imprimere davvero un’accelerazione al successo del sito di e-commerce e può dare davvero un risultato apprezzabile in termini di aumento di prestazioni e di traffico.

 

4. Attuare una strategia di marketing online efficace

La maggior parte dei siti e-commerce vengono messi online senza essere accompagnati da un solido piano di marketing che possa promuoverlo efficacemente. Moltissime aziende si illudono che basta essere presenti nel web per sviluppare grandi flussi di vendite, ma non c’è nulla di più sbagliato. I clienti arrivano solo quando saprete informarli della vostra esistenza e convincerli che la vostra offerta di prodotti è di valore. Perché ciò accada, è indispensabile definire e attuare una buona strategia di digital marketing.

Le strategie più efficaci spesso sono molto complesse, ma in alcuni casi bastano anche poche azioni semplici e ben progettate per ottenere grandi risultati. L’obiettivo primario è portare traffico sul sito e in particolare nelle pagine dei prodotti che si vogliono spingere di più. Maggiore è la quantità di potenziali clienti che visitano il sito, più alta sarà la probabilità di indurli a effettuare un acquisto.

Ma contemporaneamente si deve essere in grado di costruire una relazione costante e permanente con i propri clienti attuali e potenziali. Un cliente che ha visitato il vostro sito potrebbe non essere interessato a comprare subito, ma adeguatamente stimolato potrebbe decidersi ad acquistare in un secondo momento. Largo spazio allora alle azioni di acquisizione di contatti email e di altri tipi di contatto diretto (per esempio il numero di cellulare) a cui collegare l’invio costante di messaggi connessi alle azioni svolte dalle persone nel sito o altrove. Per esempio, a un utente che ha visitato una specifica categoria di prodotto si può inviare una serie di email nelle quali si propongono approfondimenti su quei prodotti o anche promozioni particolari, mentre a un altro che ha messo nel carrello un prodotto ma poi non ha completato l’acquisto si può mandare una email in cui si ricorda che ha scelto quel prodotto e i vantaggi che può avere comprandolo.

Quello che si deve tenere in considerazione è che non esiste una strategia definitiva e assoluta in grado di portare sempre grandi risultati. Ogni azienda lavora in un proprio ambito di mercato, ha clienti specifici e offre dei prodotti che garantiscono vantaggi e benefici peculiari. Per questa ragione una strategia perfetta per un e-commerce può rivelarsi fallimentare per un altro tipo di e-commerce.

Per questa ragione è indispensabile affidare il lavoro di digital marketing a dei veri esperti nel campo, che conoscono a fondo tutte le modalità del marketing online e sanno definire le azioni realmente efficaci per portare al successo l’e-commerce. Gli errori che la maggior parte delle aziende fanno sono questi:

  • non investire un budget significativo nel digital marketing
  • puntare solo al breve termine, cercando solo di incrementare le vendite piuttosto che creare un rapporto solido con i clienti potenziali e acquisiti
  • pretendere di ottenere subito dei risultati che compensino l’investimento fatto
  • scegliere male i professionisti a cui affidare la creazione e la realizzazione del piano strategico di marketing.

Quest’ultimo punto è il più critico, perché non è facile capire se un’agenzia o anche un singolo professionista sono all’altezza del compito assegnato. In questo caso bisogna verificare le competenze, l’esperienza, la cultura specifica nel campo. E diffidare di chi ha subito la ricetta per farvi diventare milionari, perché, semplicemente, questa ricetta non esiste e chi la propone è un ciarlatano o un truffatore!

Se volete sviluppare il vostro e-commerce la nostra competenza è al vostro servizio: contattateci per spiegarci le caratteristiche del vostro business. Elaboreremo un piano strategico e operativo su misura della vostra azienda.

Related posts

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top