Introduzione alla scrittura degli annunci su Google AdWords - Blog di web marketing e social media marketing di Communication Village

Introduzione alla scrittura degli annunci su Google AdWords Come si scrivono gli annunci su Google AdWords? Ecco una breve introduzione con le direttive principali

Mini guida alla scrittura degli annunci su Google AdWords

Conoscere le direttive principali per scrivere gli annunci su Google AdWords può esser molto utile per ottenere il massimo dei risultati dalle proprie sponsorizzazioni. Vi presentiamo alcuni consigli in una mini guida introduttiva che permetterà di essere efficaci, concreti e persuasivi.

Non è così semplice infatti scrivere annunci AdWords: il ristretto numero di caratteri richiede una grande capacità di sintesi. Ma non solo. È necessario essere anche convincenti, per invogliare l’utente che ha effettuato la ricerca a cliccare sul link proposto, prediligendolo alla grande concorrenza.

Capacità di sintesi, efficacia e creatività sono le qualità necessarie per scrivere un buon annuncio AdWords. Questo si compone di tre parti: Titolo 1 di 30 caratteri; Titolo 2 di 30 caratteri; Descrizione di 80 caratteri. Lo spazio a disposizione per raccontarsi è dunque risicato e questo rende il lavoro di scrittura un po’ più difficile.

Ecco quindi alcune linee guida che vi permetteranno di scrivere annunci su Google AdWords realmente efficaci.

 

Includere le parole chiave

Può essere utile per scrivere efficaci annunci AdWords riportare le parole chiave nella parte del titolo (Titolo 1 o Titolo 2). In questo modo l’utente capirà immediatamente che quel link, che trova tra i numerosi risultati della SERP, è pertinente rispetto a ciò che ha digitato.

 

Centrare le richieste dell’utente

L’utente che compie una ricerca inserisce una determinata query, in base alla quale compariranno nella SERP diversi risultati. Come fare in modo che l’utente clicchi sul vostro annuncio? Un modo per riuscirci è centrare le richieste dell’utente e riuscire a rispondere alle sue aspettative. Non bisogna mai dimenticare questo punto, quando si scrive un annuncio AdWords.

Proprio perché lo spazio è risicato e proprio perché il nostro annuncio viene visualizzato in risposta a un determinato inserimento di parole chiave, ecco che risulta necessario non essere ridondanti o pleonastici. Quindi è bene evitare di inserire ad esempio nel Titolo 1 domande che ripetano il motivo della ricerca. Se per esempio la query della sponsorizzazione è “pizza napoletana”, non serve inserire la domanda “Ti piace la pizza napoletana?”. Questo inserimento infatti sarebbe soltanto ripetitivo, poiché è chiaro che se l’utente ha digitato quelle parole è interessato a quell’argomento o prodotto. Piuttosto bisogna puntare ad essere incisivi e a rispondere alla richiesta dell’utente, che in questo caso cerca una buona pizza napoletana.

È necessario invogliare il navigatore a cliccare sul nostro annuncio, convincendolo che facendolo troverà il meglio di ciò che cerca. Così potrebbe essere utile scrivere “la migliore pizza napoletana” nel Titolo 1. Nel Titolo 2 potrebbe poi essere inserita qualche specifica in più sul prodotto che si vende o un’offerta se presente. Nella descrizione si possono specificare un po’ meglio le caratteristiche del prodotto.

 

Differenziarsi dalla concorrenza

Uno dei modi per farsi notare dagli utenti è quello di provare a differenziarsi dai competitor. In una marea di annunci simili, il carattere unico del proprio annuncio può essere vincente. È chiaro che essendo pochi i caratteri a disposizione, non sarà semplicissimo riuscire a contraddistinguersi. Proprio per questo dedicare il giusto tempo alla ricerca delle qualità che rendono unico il nostro brand/prodotto può essere decisivo e riuscire a convincere l’utente a cliccare proprio sul nostro annuncio.

Related posts

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Top