Come scrivere l'email di recupero dei carrelli abbandonati negli e-commerce - Blog di web marketing e social media marketing di Communication Village

Come scrivere l’email di recupero dei carrelli abbandonati negli e-commerce 5 consigli per scrivere email efficaci di recupero dei carrelli abbandonati di un e-commerce

Email marketing per e-commerce: come scrivere l’email per il recupero dei carrelli abbandonati

Chi gestisce un e-commerce sa che la stragrande maggioranza dei carrelli viene abbandonata. Si tratta di una situazione fisiologica di ogni sito di commercio elettronico, ma non per questo le aziende devono accettare la situazione passivamente.

L’email marketing in questo senso può essere un valido aiuto, ma a patto che venga integrato nella maniera corretta per la salute degli affari di un e-commerce. Il presupposto dal quale occorre partire è che non è detto che un carrello abbandonato sia per forza la prova di un disinteresse da parte dell’utente finale: oltre a coloro che hanno cambiato idea è possibile ci siano coloro che hanno dovuto interrompere l’acquisto o hanno deciso di pensarci un po’ su. Purtroppo più passa il tempo più è probabile che il cliente se ne dimentichi, per questo un uso sapiente delle email è vitale. Ma quali sono le dritte da seguire per scrivere l’email più adatta al recupero dei carrelli abbandonati?

 

1. Includere sempre le immagini dei prodotti

È essenziale che l’email di recupero dei carrelli abbandonati non si limiti a fungere da promemoria solo testuale con link al carrello. Utilizziamola piuttosto per fare un riepilogo dettagliato dei prodotti inseriti dall’utente con tanto di immagini. Se saremo abbastanza fortunati riusciremo a fargli tornare alla mente l’esatto istante in cui li ha scelti e potremmo quindi convincerlo a ultimare l’acquisto.

 

2. Offrire un incentivo e/o un’alternativa

Può darsi che l’utente in questione abbia bisogno di una “spintarella” per convincersi a comprare. Offrire un incentivo potrebbe essere una soluzione. Attenzione: questo non significa inviare un codice sconto in ogni email di recupero dei carrelli abbandonati. In alternativa è possibile offrire agli utenti l’adesione a un programma di referral marketing oppure cercare di intercettare qualche altro suo desiderio.

 

3. Pianificare con cura gli invii delle email

Il tempismo è essenziale: non ha senso infatti inviare un’email di recupero per i carrelli abbandonati troppo presto o troppo tardi. In linea di massima la scelta migliore è pianificarne almeno tre: la prima è meglio che non superi le 24 ore di distanza dall’evento. Le altre due andrebbero pianificate a una distanza di 3 o 4 giorni l’una dall’altra senza superare i 10 giorni dalla prima, pena l’inefficacia dell’operazione.

 

4. Avere un occhio di riguardo per gli utenti mobile

Sappiamo che la maggioranza degli accessi a internet avviene da smartphone e tablet e tra questi rientra anche la consultazione delle email. Per questo quando andiamo a costruire le email di recupero dei carrelli abbandonati è bene sincerarsi che siano ben visualizzabili anche da mobile, in modo da non lasciare nulla di intentato.

 

5. Fare dei test

Essenziale per decidere il volto finale e la programmazione migliore per le email di recupero dei carrelli abbandonati è fare dei test su un campione più ristretto prima di fare partire la campagna vera e propria. In questo modo eviteremo di perdere tempo e occasioni di ottenere profitti per la nostra azienda e guadagnare consensi tra gli utenti finali fino a trasformarli in clienti e, perché no, anche ambassador.

 

La gestione delle relazioni con i clienti di un e-commerce è fondamentale per il successo duraturo delle attività di vendita online. La corretta gestione delle email legate a particolari situazioni, come quella dell’abbandono dei carrelli, è una delle attività che vanno svolte con attenzione e regolarità. Ma le azioni che vanno curate allo scopo di mantenere un contatto forte con gli acquirenti attuali e potenziali sono numerose. Noi di Communication Village possiamo darti suggerimenti e consigli su come aumentare gli utili del tuo e-commerce applicando delle tecniche di gestione efficienti e delle tattiche di marketing online capaci di incrementare significativamente gli utili. Contattaci quando vuoi, la nostra esperienza è a tua disposizione!

Related posts

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Top