Come aumentare il tasso di conversione di un modulo online - Blog di web marketing e social media marketing di Communication Village

Come aumentare il tasso di conversione di un modulo online Qualche consiglio per rendere più efficace un modulo online di un sito e aumentarne il tasso di conversione

Come aumentare il tasso di conversione di un modulo online

Per riuscire a capire se un modulo online all’interno di un sito web sia efficace o meno occorre misurare il tasso di conversione: se nel giro di un periodo ragionevole non riceviamo alcun contatto c’è sicuramente qualcosa che non va.

Se siamo sicuri di avere ottimizzato nella maniera corretta la landing page, di avere inserito dei contenuti in grado di farci raggiungere gli obiettivi sperati e nonostante gli sforzi le persone non ci danno i loro dati o in generale non completano il modulo, allora è molto più che probabile che il problema sia proprio nel modo in cui abbiamo lo abbiamo configurato. Si tratta spesso di piccoli errori che molti sottovalutano, ma che con un po’ più di attenzione possono essere facilmente risolti.

Il primo passo da seguire per aumentare il tasso di conversione di un modulo online di un sito web è concentrarsi sulla call to action. La maggior parte dei form vedono pulsanti di invio contatti piuttosto generici: “Invia”, “Scarica” ecc. La scelta migliore, invece, è personalizzarlo sottolineando cosa avverrà in seguito; formule come “Scarica ora l’ebook” oppure “Voglio ottenere maggiori informazioni” sono da preferirsi ad altre trite e ritrite che non aggiungono valore al modulo in questione.

Anche il design della call to action può avere un peso: oltre a dovere essere unica, chiara e univoca è bene scegliere dei colori e dei formati che la facciano subito risaltare all’occhio del visitatore che non deve avere dubbi su ciò che vogliamo che lui compia.

Non tutti i gestori di siti web e i creatori di landing page rivolgono la giusta attenzione al trattamento dei dati personali. Non limitiamoci al flag che tutti utilizzano, se è il caso rincuoriamo l’utente specificando esattamente l’uso che intendiamo fare dei suoi dati; sarà sicuramente una scelta inaspettata che potrebbe convincere anche i più dubbiosi e sospettosi.

Il numero dei campi da compilare ha un peso non indifferente sul tasso di conversione di qualsiasi modulo online: con l’aumentare dei dati richiesti aumentano le probabilità di perdere l’utente. Spesso si tratta anche solo di pigrizia, ma in ogni caso cercare di ridurre all’osso le informazioni necessarie dovrebbe consentirci di vincere le remore anche dei diffidenti. Se proprio non riusciamo a diminuire il numero dei campi, specifichiamo (anche tramite l’uso di asterischi) quali sono i campi essenziali per iscriversi o scaricare il content upgrade oppure possiamo optare per una presentazione del modulo su più colonne o tab.

La scelta di dividere il form online in più parti risulta vincente in quanto visivamente l’intero modulo verrà percepito come più breve. Tuttavia la visualizzazione in colonne potrebbe risultare un tantino confusionaria, mentre l’uso delle tab consentirà di dividere il modulo in diversi step e più l’utente andrà avanti più sarà difficile che non arrivi fino in fondo.

Tutti i metodi finora esposti sono egualmente validi per aumentare il tasso di conversione di un modulo online, ma saranno sempre gli utenti a rivelare quale soluzione sarà la migliore. Per questo è sempre una buona pratica quella di creare più versioni dello stesso modulo e condurre degli A/B test in modo da scegliere una versione piuttosto che un’altra a seconda delle preferenze del nostro target di riferimento.

Related posts

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top