Come guadagnare con i Facebook Live Stream - Blog di web marketing e social media marketing di Communication Village

Come guadagnare con i Facebook Live Stream Si può guadagnare sfruttando i Facebook Live Stream, i video in diretta in Facebook? Ecco come è possibile monetizzare lo streaming

Facebook Live Stream

Negli Stati Uniti è più semplice capire come guadagnare con i Facebook Live Stream, i video in diretta che si possono creare nel social network creato da Zuckerberg. Da febbraio infatti è stata ufficializzata la notizia che è possibile inserire delle interruzioni pubblicitarie negli streaming, che farebbero partire degli spot provenienti dal Facebook Advertising Network.

 

Come funziona l’advertising nel Facebook Live Stream

Il funzionamento è semplice. Un utente che abbia nel suo profilo o nella sua pagina almeno 2.000 follower può lanciare dei break di advertising nei propri video streaming, purché ci siano almeno 300 persone che stiano seguendo lo stream e non prima di 4 minuti dall’avvio del video. Se queste condizioni sono tutte soddisfatte, allora un utente può inserire un’interruzione pubblicitaria anche ogni 5 minuti, semplicemente cliccando sul tasto con il simbolo del dollaro che si visualizza in basso al riquadro con cui si gestisce lo streaming. Ciascuna interruzione può durare fino a 20 secondi.

I proventi di ogni inserzione che viene lanciata all’interno del video viene remunerata con il 55% del valore dell’inserzione stessa, mentre il restante 45% viene assorbito da Facebook.

Il problema per gli europei è che questo programma di monetizzazione dei Live Stream è disponibile solamente negli USA. Inoltre è ancora in una fase beta, quindi è stato implementato solamente per una parte degli utenti Facebook statunitensi. Non risultano dichiarazioni recenti da parte di Facebook – di cui siamo a conoscenza – in cui si avverte l’estensione agli utenti europei e italiani di questo programma, per cui bisogna avere pazienza e rimanere in attesa.

 

Altri modi per guadagnare con i Live Stream di Facebook

Gli utenti del vecchio continente hanno altri modi per riuscire a guadagnare con lo streaming live. Ma si tratta di metodi autogestiti, per così dire, ossia basati sull’iniziativa personale indipendente dalle tecnologie di advertising messe a disposizione dal Facebook. In pratica, l’utente si adopera per vendere in modo autonomo la pubblicità all’interno dei propri stream, offrendo alle aziende interessate la possibilità di parlare dei prodotti o del brand a un pubblico affezionato verso il quale si esercita una buona influenza.

In pratica si rientra in un ambito di influencer marketing a pieno titolo: se un utente ha un buon seguito e parla di argomenti affini a quelli dei prodotti di una certa azienda, può proporre all’azienda di sponsorizzare un live stream in cui parlerà di quei prodotti in termini positivi o comunque tali da stimolare l’attenzione dei follower.

La questione cruciale a questo punto è: come fissare i prezzi per le aziende? In altri termini, come vendere la sponsorizzazione dei video? Le soluzioni più valide sono quattro.

1. Si ricevono in omaggio i prodotti di cui si parlerà nel video. Le aziende si accordano con l’utente per inviargli un campione dei prodotti che dovranno essere presentati nel video. Questi prodotti vengono regalati all’utente e costituiscono la sua remunerazione.

2. Sfruttare lo stream come un bonus da dare alle aziende in un contesto di pacchetto pubblicitario più ampio. Per esempio, se si sta trattando con un’azienda per una sponsorizzazione del blog, di video in Facebook, della realizzazione di un webinar, ecc., si può includere anche lo streaming live per dare più valore alla proposta. L’azienda pagherà per tutto il pacchetto, che con lo streaming live acquisirà più valore.

3. Sponsorizzazione in esclusiva a periodo. All’azienda viene offerta la possibilità di sponsorizzare tutti i live stream che andranno online per un determinato periodo di tempo. Volendo si può anche dare l’esclusiva a un’azienda per invogliarla, dandole garanzia che per tutto il periodo concordato non ci saranno altri sponsor concorrenti, e in questo caso il costo della sponsorizzazione potrà essere aumentato.

4. Sponsorizzazione del singolo live stream. L’azienda acquista la presenza come sponsor all’interno di un singolo live stream. Anche in questo caso è possibile offrire all’azienda una presenza esclusiva.

Il modo migliore per calcolare la valorizzazione dei punti 3 e 4 è quello di usare il Cost per Mille (CPM), ossia assegnare un prezzo per ogni 1.000 follower che hanno seguito lo streaming, così come vengono conteggiati da Facebook. Il prezzo assegnato dipende dall’interesse e dalle interazioni dimostrate dai follower – più sono attenti e partecipativi più si può dimostrare che quello che si dice nello streaming ha un impatto positivo –, ma soprattutto dalla propria forza come influencer.

La condizione necessaria per monetizzare in modo apprezzabile un live stream è proprio quella di essere un buon influencer, altrimenti agli occhi dell’azienda non c’è nessuna utilità a pagare per sponsorizzare lo streaming. Un influencer di medio livello può chiedere dai 20 ai 100 euro ogni 1.000 utenti per uno streaming ben fatto incentrato sui prodotti dell’azienda sponsor. In questo modo i Facebook Live Stream diventano un modo per guadagnare in modo significativo e sfruttare ancora di più la propria posizione di influencer.

Related posts

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top