Come aumentare l'engagement in Pinterest - Blog di web marketing e social media marketing di Communication Village

Come aumentare l’engagement in Pinterest Come migliorare il tasso di coinvolgimento su Pinterest? Ecco alcuni suggerimenti utili per incrementare l'engagement

Come aumentare i livelli di engagement su Pinterest

Anche su Pinterest è bene lavorare per aumentare il tasso di coinvolgimento degli utenti o comunque mantenere alti i livelli di engagement degli utenti iscritti che ci seguono, al fine di raggiungere più facilmente i nostri obiettivi.

Pinterest è insieme a Instagram il social network visuale per eccellenza; tuttavia al di là dell’utilizzo di immagini di qualità e interessanti per il nostro target occorre fare molto di più se desideriamo suscitare un interesse forte da parte del nostro pubblico. Se riusciremo nell’intento, ogni nostro sforzo verrà ripagato: coloro che popolano la piattaforma sono in assoluto i più propensi a comprare (anzi in molti usano il social network proprio a questo scopo) e per avere successo basta intercettare la nicchia giusta e riuscire a posizionarsi. Come deve procedere quindi un’azienda che desidera aumentare i livelli di engagement su Pinterest?

Il primo passo per avere successo in tal senso consiste nell’individuare il tipo di contenuto più adatto. Mentre per gli altri social network le immagini vengono visualizzate in maniera ottimale quanto più sono quadrate, nel caso di Pinterest è meglio usare immagini rettangolari: più sono lunghe più registrano tassi di coinvolgimento notevoli. È per questa ragione che le infografiche registrano tanto successo; ovviamente questa strategia può funzionare nel momento in cui quanto esposto risulti leggibile e il contenuto interessante e/o si riveli una fonte preziosa di ispirazione.

Il campo riservato alle descrizioni meriterebbe un’attenzione maggiore: è proprio grazie a quest’ultimo se i nostri pin e le bacheche saranno facilmente reperibili dagli utenti attraverso il motore di ricerca interno. Sinceriamoci quindi di usare le parole chiave che afferiscano alla nostra sfera di attività o le più adatte a intercettare il nostro tipo di pubblico. Come sempre è sempre meglio non esagerare; un uso esasperato di parole chiave potrebbe infastidire l’utente.

La stessa prudenza va osservata per quanto riguarda l’uso degli hashtag; per quanto non sia vietato, è sempre bene utilizzarli con parsimonia.

Anche su Pinterest cercare di entrare in contatto con gli influencer è un ottimo metodo per guadagnare visibilità presso un pubblico più ampio rispetto ai soli nostri follower e uno dei metodi per farsi notare è la creazione di Bacheche di Gruppo. Per farlo basta creare una bacheca e inserire il nome utente o l’indirizzo email di coloro che desideriamo collaborino all’inserimento di pin. Anche la partecipazione (sempre e solo su invito) da parte nostra a Bacheche altrui è un ottimo modo per farsi notare e guadagnare consensi, a patto che i nostri pin risultino interessanti e degni di nota.

Infine, la maniera migliore e a prova di errore per aumentare i livelli di engagement su Pinterest è leggere con attenzione le risposte degli utenti a ogni nostra azione. In nostro aiuto possono venire i dati contenuti negli analytics e disponibili per i soli account aziendali; qui è possibile venire a conoscenza delle caratteristiche del nostro pubblico (interessi compresi) e della tipologia di pin che hanno riscosso maggiore attenzione. Se faremo tesoro di queste informazioni sarà ancora più semplice venire incontro ai gusti degli utenti aumentando così le nostre probabilità di successo.

Related posts

*

Top

Privacy Preference Center

PHPSSESSID

Cookie generato da applicazioni basate sul linguaggio PHP. Serve per mantenere e gestire le variabili connesse alle sessioni dell'utente e mantenere ala continuità nella sessione di visità al sito (per esempio link già visitati, eventuali login ad aree riservate del sito, ecc.).

PHPSSESSID

Google Analytics

Cookie associati a Google Analytics e a Google Universal Analytics - che è un update al servizio di Google Analytics più comunemente usato. Questi cookie sono usati per distinguere gli utenti unici in visita al sito. Sono inclusi in ogni richiesta di pagina di un sito per calcolare i visitatori, le sessioni e i dati delle campagne e visualizzarli nei report degli analytics del sito. Di default sono comunemente settati per scadere dopo due anni.

_ga, _gid

GDPR Widget

Cookie legati al widget di WordPress che consente di accettare o rifiutare altri cookie o i tracciamenti effettuati da applicazioni, siti, software, ecc. di terze parti.

gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types]

AddThis

Questo cookie è associato con il widget di social sharing AddThis che si trova nel sito per permettere ai visitatori di condividere contenuti in una quantità di social network e altri siti. Conteggia le condivisioni effettuate. Serve a garantire la funzionalità del servizio.

__atuvc, __atuvs

AddThis 2

Cookie di AddThis che rilevano e tracciano vari comportamenti effettuati dagli utenti nel sito a scopi statistici.

ouid, loc, mus, uid, uvc