Come scrivere messaggi diretti su LinkedIn e avere risposte - Blog di web marketing e social media marketing di Communication Village

Come scrivere messaggi diretti su LinkedIn e avere risposte 3 consigli per aumentare le probabilità che a un messaggio diretto su LinkedIn segua una risposta positiva

3 suggerimenti per scrivere messaggi diretti su LinkedIn di sicuro successo
Corso online Social Media e Digital Marketing di Communication Village

In pochi sanno come scrivere messaggi diretti di sicuro successo su LinkedIn. Contattare altri utenti mediante questo canale può essere una vera sfida, soprattutto se abbiamo deciso di utilizzarli per aprire un rapporto con persone che non conosciamo direttamente. Sia che si tratti di personaggi influenti che stiamo tentando di coinvolgere per un evento, sia se la nostra è un’operazione per scovare nuovi clienti (strategia questa particolarmente indicata per chi opera nel settore del B2B), non ci sono dubbi che l’invio di un messaggio direttamente all’interno della piattaforma possa essere un’ottima idea, a condizione di sapere come fare.

Esistono svariati spunti e argomenti che possiamo prendere per intavolare una discussione e poi parlare di affari in un altro momento, quando sapremo di avere la completa attenzione del nostro interlocutore. Ed è proprio questa l’impresa più ardua: anche in questo campo sono tantissimi che usano i messaggi diretti su LinkedIn in maniera impropria, con il risultato che adesso è ancora più difficile fare in modo che l’utente apra il messaggio, prosegua nella lettura e poi decida di rispondere. Ecco, quindi, 3 suggerimenti per scrivere messaggi diretti su LinkedIn di sicuro successo e fare in modo che siano seguiti da una risposta.

 

1. Studiare attentamente il profilo e le abitudini del soggetto

Prima di inviare un messaggio diretto a un utente meglio sincerarsi che non sia esattamente un estraneo per noi: studiamo con attenzione il suo profilo. Dove ha studiato, dove lavora, cosa gli interessa e se è membro di qualche gruppo; quando si ha un gran numero di collegamenti può essere difficile addirittura ricordarsi di essere già in contatto con una persona. Se necessario ricordiamogli dove ci ha conosciuti e, se invece si tratta di una conoscenza online, sottolineiamo cosa ci ha interessati della sua attività. Questi sono tutti metodi per rompere il ghiaccio e risultare subito più familiari al destinatario, in modo da superare la diffidenza iniziale.

 

2. Specificare subito il motivo del contatto

Difficilmente troveremo su LinkedIn utenti disposti a trascorrere il proprio tempo a chiacchierare; non dobbiamo dimenticarci che non si tratta di Facebook e che il più delle volte si tratta di persone impegnate. Se vogliamo che davvero vadano fino in fondo nella lettura del nostro messaggio dopo i saluti e il riferimento ai collegamenti o ad abitudini e passioni che abbiamo in comune dobbiamo anche specificare il motivo per il quale abbiamo deciso di contattarli. Al contrario di quel che si potrebbe pensare, un’eccessiva vaghezza non susciterà curiosità, bensì potrebbe diminuire il livello di interesse.

 

3. Suggerire dove e quando continuare la conversazione

A seconda del momento in cui avremo inviato il messaggio, il nostro destinatario potrebbe anche essere al lavoro e quindi non avere il tempo e la voglia di concentrarsi sulla nostra proposta. Piuttosto che lasciare che sia lui, quindi, a decidere se rimandare e a quando un ulteriore contatto facciamo noi la prima mossa: fissiamo un luogo (anche virtuale, può trattarsi della stessa chat di LinkedIn) e una data per proseguire la nostra chiacchierata in maniera più distesa e approfondita.

 

Se seguiremo tutti i suggerimenti precedenti aumenteremo le probabilità di successo dei nostri messaggi diretti su LinkedIn e potremo avere una maggiore sicurezza che a questi seguano delle risposte da parte dei destinatari. In generale, LinkedIn è un canale indispensabile nelle attività di account based marketing, che sono sempre più fondamentali ed efficaci nel B2B. Svolgere bene azioni di contatto diretto significa assicurare alla propria azienda una rete di contatti preziosi che nel tempo possono trasformarsi in clienti. Se vuoi sviluppare le tue attività di ricerca di lead e contatti da trasformare in clienti, possiamo aiutarti. Contattaci e metteremo la nostra esperienza nel campo del marketing online in ambito B2B al tuo servizio.

Related posts

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top

Privacy Preference Center

PHPSSESSID

Cookie generato da applicazioni basate sul linguaggio PHP. Serve per mantenere e gestire le variabili connesse alle sessioni dell'utente e mantenere ala continuità nella sessione di visità al sito (per esempio link già visitati, eventuali login ad aree riservate del sito, ecc.).

PHPSSESSID

Google Analytics

Cookie associati a Google Analytics e a Google Universal Analytics - che è un update al servizio di Google Analytics più comunemente usato. Questi cookie sono usati per distinguere gli utenti unici in visita al sito. Sono inclusi in ogni richiesta di pagina di un sito per calcolare i visitatori, le sessioni e i dati delle campagne e visualizzarli nei report degli analytics del sito. Di default sono comunemente settati per scadere dopo due anni.

_ga, _gid

GDPR Widget

Cookie legati al widget di WordPress che consente di accettare o rifiutare altri cookie o i tracciamenti effettuati da applicazioni, siti, software, ecc. di terze parti.

gdpr[allowed_cookies], gdpr[consent_types]

AddThis

Questo cookie è associato con il widget di social sharing AddThis che si trova nel sito per permettere ai visitatori di condividere contenuti in una quantità di social network e altri siti. Conteggia le condivisioni effettuate. Serve a garantire la funzionalità del servizio.

__atuvc, __atuvs

AddThis 2

Cookie di AddThis che rilevano e tracciano vari comportamenti effettuati dagli utenti nel sito a scopi statistici.

ouid, loc, mus, uid, uvc