Email marketing automation: per le aziende una soluzione contro lo spam - Blog di web marketing e social media marketing di Communication Village

Email marketing automation: per le aziende una soluzione contro lo spam La marketing automation permette di raggiungere la persona giusta al momento giusto col contenuto più appropriato: ecco perché è una soluzione contro lo spam

Marketing automation: per le aziende una soluzione contro lo spam

Come fare in modo che i messaggi pubblicitari che un’azienda invia ai suoi potenziali clienti non siano percepiti come spam? Una soluzione per migliorare la comunicazione online tra azienda e lead (i potenziali clienti) è l’email marketing automation, tramite la quale viene inviato il contenuto giusto alla persona giusta nel momento più appropriato.

L’email marketing automation infatti permette di inviare un messaggio perfettamente in linea con le esigenze dell’utente stesso, grazie ai suoi sistemi automatizzati di raccolta dei dati di navigazione e di interazione con le email precedentemente ricevute. Questo costituisce un grande vantaggio per le aziende che possono contare sulla creazione di rapporti solidi con i lead, basati su fiducia e soddisfazione; questo porterà grandi frutti in termini di effettivo aumento delle vendite.

 

La marketing automation ha costi accessibili a tutte le aziende

Nel recente passato la marketing automation era appannaggio esclusivo delle grandi aziende, dati i suoi costi proibitivi. Ma oggi grazie all’implementazione di nuove tecnologie informatiche, l’email marketing automation è un servizio che può essere utilizzato da tutte le aziende che intendono sviluppare al meglio la comunicazione verso i lead e che desiderano aumentare il livello di fidelizzazione e quindi le conversioni all’acquisto dei contatti del proprio parco mail. L’automazione del sistema permette di gestire grandi quantità di dati, operazione impossibile da svolgere in maniera manuale.

 

Email marketing automation vs. direct email marketing (DEM)

Quali sono le differenze tra direct email marketing (DEM) e email marketing automation? L’email marketing automation può essere intesa come il braccio operativo dell’inbound marketing, ossia fa parte di quelle strategie che attraverso la generazione di contenuti di qualità possano attrarre gli utenti convincendoli all’acquisto. Tramite la compilazione di form, o attraverso la iscrizione alla newsletter oppure a mezzo di telefonata, il potenziale cliente interessato ai servizi o ai prodotti dell’azienda può rilasciare i propri dati e divenire così un contatto della mailing list aziendale. È proprio in questa fase che interviene la marketing automation, come soluzione per le aziende contro lo spam.

Nel DEM (direct email marketing) tradizionale vengono infatti inviate mail pubblicitarie standard a tutti i contatti di un’azienda, senza alcuna distinzione. Le aziende infatti inviano centinaia di email a liste di contatti aziendali, secondo la logica dello sparo nel buio, poiché non vi è modo di sapere se un particolare contatto sia interessato o meno a quel prodotto pubblicizzato. Questo invio massivo di pubblicità il più delle volte è percepito con fastidio dall’utente, in quando spesso è disinteressato a quel prodotto o servizio: la sua reazione spesso si esprime nella richiesta di cancellazione dalla mailing list, altre volte nella segnalazione dell’email come spam. L’email marketing automation rappresenta l’evoluzione che bypassa questo problema, creando contenuti pubblicitari che sono in linea con le esigenze e il comportamento dell’utente.

Infatti il software di marketing automation permette un elevato grado di profilazione dei lead che visitano ad esempio un dato sito. In base a questo, è possibile distinguere le persone interessate all’acquisto (lead caldi) da quelle che invece non lo sono affatto o lo sono meno (lead freddi o tiepidi). Coloro che visitano spesso il sito aziendale sono ad esempio lead caldi, cioè molto interessati. È su questa fetta di utenti che può essere creata una delle campagne di marketing automation tramite la quale coltivare la relazione con il lead e ingolosirlo al punto da convincerlo all’acquisto.

Questa operatività permette di aggirare il pericolo spam, in quanto il messaggio pubblicitario che ogni persona riceverà sarà sempre conforme al suo interesse manifestato.

Related posts

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Top