Come creare una mailing list aziendale di valore – Infografica - Blog di web marketing e social media marketing di Communication Village

Come creare una mailing list aziendale di valore – Infografica 7 suggerimenti su come creare una buona mailing list aziendale di clienti motivati e in target

Come creare una mailing list di valore

Sapere come creare una buona mailing list è una competenza che può portare dei risultati di grande valore a un’azienda. La base di un buon email marketing è proprio la raccolta di email di destinatari in target con le attività commerciali e di marketing della nostra azienda. Il primo errore da non fare mai è quello di considerare soltanto il numero dei contatti di mailing list e non la loro qualità.

Qualsiasi azione di marketing di successo parte dalla profilazione della buyer persona, ossia il cliente ideale che più facilmente potrà acquistare i nostri prodotti. Quante più email di persone simili alla buyer persona riusciremo a collezionare nella nostra mailing list, maggiori saranno le probabilità che le nostre azioni di comunicazione andranno a buon fine.

Ma come creare una mailing list con email perfettamente targettizzate? Si tratta di un obiettivo non semplice da conseguire. Se è ormai chiaro alla maggior parte delle aziende che investire denaro nell’acquisto di pacchetti di email non bene identificate nella provenienza sia un errore grossolano, è molto più difficile avere un piano operativo preciso volto ad accrescere in modo costante e mirato la dimensione della mailing list aziendale.

L’infografica che vi proponiamo, basata su varie fonti tra cui Nielsen Norman Group e Hubspot, presenta 7 tecniche vincenti per creare una mailing list acquisendo nuove email targettizzate che possono portare sempre più linfa all’email marketing aziendale.

 

1. Creare un profilo online

L’azienda che non ha una precisa identità online difficilmente attrarrà l’interesse del pubblico e, in particolare, dei clienti non ancora acquisiti. Se sapremo sviluppare un blog, diffondere i nostri contenuti sui social media, pubblicare immagini, podcast e, soprattutto, video che raccontino la nostra azienda, le attività che svolgiamo e le competenze che animano il nostro lavoro d’impresa, riusciremo agevolmente a spingere le persone a entrare in contatto lasciando anche la propria email e arricchendo così la nostra mailing list.

 

2. Promuovere le campagne email sui social media

I social network sono una cassa di risonanza straordinaria se si vogliono raggiungere pubblici mirati. Creando un modulo di contatto in cui si chiede l’iscrizione a una newsletter o a un servizio e pubblicandolo nei social media, si possono attrarre rapidamente moltissimi utenti realmente interessati a quello che abbiamo da offrire. Se puntiamo a prendere iscrizioni a una newsletter, un bel metodo è quello di pubblicare l’ultima edizione: gli utenti avranno modo di apprezzarne il valore e quelli interessati non avranno dubbi a iscriversi.

 

3. Essere chiari in ciò che si offre con l’iscrizione

Non c’è niente di peggio per un utente che iscriversi a un servizio poco chiaro. Se non riusciamo a spiegare esattamente cosa daremo agli utenti che decideranno di iscriversi con ogni probabilità non convinceremo nessuno!

 

4. Sfruttare il potere dei video e di YouTube

I video sono il trend incontrastato del 2017. Creare dei video brevi e ben fatti con una call to action finale che inviti a iscriversi può essere un ottimo modo di persuadere anche gli utenti più riluttanti. A questo scopo si devono inserire ove possibile anche dei link alla landing page in cui gli utenti possono leggere informazioni sul servizio e su quello che gli viene proposto una volta che forniranno la loro email.

 

5. Proporre incentivi per convincere a iscriversi alla mailing list

Solitamente si chiamano lead magnet: sono quei piccoli regali che offriamo in cambio dell’email. In molti casi in realtà l’utente lascia l’email come condizione obbligatoria per ricevere un e-book gratuito, accedere a un tutorial, scaricare un’infografica, partecipare a un webinar, ecc. Tra tutti i metodi, questo è forse il più efficace per fare crescere rapidamente una mailing list.

 

6. Inserire una proposta di iscrizione alla mailing list nella pagina che conferma un acquisto

Le cosiddette thank you page sono quelle pagine che vengono mostrate agli utenti che hanno completato un processo di acquisto e confermano che tutto è andato a buon fine. Solitamente contengono alcuni dettagli su cosa l’utente ha comprato e lo rassicurano che la transazione è stata effettuata con successo. Inserire in questa pagina anche una call to action verso l’iscrizione a una newsletter o a un servizio in cui si richiede l’email significa vincere facile: l’utente è già soddisfatto per avere concluso bene l’acquisto e proietta verso l’azienda sentimenti positivi. La sua diffidenza è quasi azzerata e concederà quasi sicuramente l’email. Risultato: le vostre competenze su come creare una mailing list di successo avranno acquisito una marcia in più.

 

7. Inserire form di iscrizione nelle pagine con traffico più elevato

Individuare le pagine del nostro sito a più alto volume di traffico e integrarvi un modulo di iscrizione significa incrementare consistentemente le probabilità di successo. In generale una delle risposte più efficaci alla domanda “come creare una mailing list” è proprio quella di collocare nei punti strategici del sito un form attraverso il quale gli utenti possono lasciare i loro dati e iscriversi.

 

Consigli su come creare una mailing list di successo - infografica

Related posts

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top