Come fare un’introduzione perfetta a un post di un blog o di un sito - Blog di web marketing e social media marketing di Communication Village

Come fare un’introduzione perfetta a un post di un blog o di un sito 3 caratteristiche davvero irrinunciabili che ogni introduzione a un post di un blog dovrebbe possedere

3 consigli per un’introduzione perfetta a un post di un blog

Sapere come fare al meglio un’introduzione di un post o di un articolo di un blog è fondamentale nel lavoro di content editor o di copywriter. L’incipit di un articolo o di un post infatti è la seconda parte più importante sulla quale concentrarsi per aumentare le nostre probabilità di successo del contenuto prodotto. Sappiamo che scrivere titoli efficaci è necessario per convincere l’utente a cliccare e portarlo a pensare che siamo noi gli esperti che fanno al caso suo; ma una volta entrato, il lettore va ulteriormente persuaso.

Vista l’offerta numerosa e davvero impressionante di contenuti che ogni giorno vengono postati online, abbiamo davvero pochi secondi da usare per convincere il lettore a tal punto da spingerlo a proseguire nella lettura e se falliremo in questa fase sarà stata tutta fatica sprecata. Come fare a scrivere l’introduzione perfetta a un post di un blog? La risposta in 3 semplici punti.

 

1. Introduzione chiara e concisa

Per essere davvero efficace e rispondere alle esigenze degli utenti è bene non dilungarsi in troppe spiegazioni. Sappiamo che il lettore medio su internet non ama perdere tempo e se ci impiegheremo troppo a spiegarci e mettere in luce i punti di forza nel nostro post del blog potremmo stancarlo, con l’effetto che finirà per abbandonare il nostro sito. Cerchiamo di usare frasi brevi e un lessico chiaro e coerente con il lettore medio che desideriamo attirare: se useremo delle parole familiari per gli utenti daremo loro l’impressione di essere sulla stessa lunghezza d’onda e sarà più semplice convincerli a restare e a proseguire nella lettura. Preoccupiamoci inoltre di esporre le nostre ragioni con chiarezza: possiamo anche porre delle domande o raccontare degli aneddoti, ma solo se sono coerenti e davvero propedeutici alla trattazione della materia.

 

2. Di cosa parla l’articolo?

È questa la prima domanda che si pone qualsiasi lettore che si imbatta in un articolo di un blog o di un sito. Sia se si tratti di un utente davvero interessante che ci ha trovato tramite un motore di ricerca sia se si tratti di un lettore occasionale che è capitato per caso sul nostro sito, per proseguire nella lettura avrà bisogno di capire più nello specifico di cosa parlerà il nostro post. Questa è una fase molto importante in quanto consente al lettore di capire se fidarsi di noi o meno e per quanto riguarda il nostro blog ci aiuta in una scrematura dei lettori davvero interessati. Non dobbiamo temere, quindi, di chiarire cosa e come tratteremo l’argomento in questione e non dimentichiamo di porre l’attenzione sui benefici che può trarne l’utente: siano essi consigli pratici o puro intrattenimento l’importante è tenere alto l’interesse e non deludere le aspettative.

 

3. Mantenere le promesse

Sono tantissimi i siti che usano titoli ingannevoli e altisonanti per attirare visitatori per poi fornire notizie tutt’altro che interessanti, se non false: attraverso l’introduzione del post noi dobbiamo fugare ogni dubbio del lettore. È chiaro: per raggiungere questo scopo occorre concentrarsi anche sul corpo dell’articolo, ma se costruiremo un’introduzione ben fatta saremo già a metà dell’opera. Potrebbe essere una strategia vincente per la costruzione dell’introduzione perfetta quella di scriverla dopo avere terminato l’intero articolo: può capitare di cominciare a scrivere con un’idea in mente e poi optare per una trattazione diversa e se ci dedicheremo all’introduzione come ultima cosa saremo sicuri di averne scritto una coerente e di sicuro successo.

Un’ultima considerazione: se si scrive in ottica SEO, cosa che chiunque produce contenuti per il web dovrebbe fare sempre, non si deve dimenticare di inserire nell’introduzione del testo le stesse stringhe di parole chiave che sono state inserite nel titolo e, se presente, nel sottotitolo. In questo modo si permetterà al motore di ricerca di focalizzare subito in modo chiaro e univoco il tema del pezzo in modo da indicizzarlo al meglio.

Related posts

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top