Perché le aziende dovrebbero sfruttare di più Facebook Messenger? - Blog di web marketing e social media marketing di Communication Village

Perché le aziende dovrebbero sfruttare di più Facebook Messenger? Esistono vari motivi per i quali un’azienda dovrebbe riservare la giusta attenzione a Messenger: a rivelarli è lo stesso Facebook

Facebook messenger per le aziende

Facebook Messenger, ma anche le altre app di chat come WhatsApp e Telegram, sono degli strumenti di comunicazione estremamente efficaci per creare relazioni forti con i clienti attuali e potenziali. A migliorarne le opportunità di utilizzo sono i chatbot, sistemi automatici che consentono una rapporto diretto con i profili aziendali sui social network sfruttando l’opportunità offerta dalle applicazioni di messaggistica istantanea. Purtroppo, come spesso accade, non sono tutti a essere consapevoli del ruolo che una simile tecnica può ricoprire per la riuscita della propria impresa e certamente i casi meno esemplari (se non proprio disastrosi) che si sono registrati nei mesi non aiutano.

Ad aggravare la situazione concorrono le opinioni di coloro che vedono questa tendenza solo come una moda passeggera, senza contare che c’è chi individua nei chatbot addirittura dei diretti concorrenti al lavoro del personale aziendale. Ovviamente quest’ultima convinzione è del tutto scellerata ed errata ed è come sostenere che l’app e un sito di una stessa azienda non possano coesistere: l’importante è che ogni azione rientri all’interno di un piano strategico più ampio e prestabilito. Vediamo quindi quali motivazioni adduce lo stesso Facebook a supporto di un uso più consapevole e diffuso di Messenger tra le aziende.

 

1. L’intero mondo usa i messaggi istantanei per comunicare

Il primo dato a favore di Facebook Messenger viene riportato dagli stessi utenti. Secondo una statistica il tempo che gli utenti trascorrono sui social media e a scambiarsi messaggi aumenta ogni anno del 400% e sarebbe insensato ignorare questo dato.

 

2. Non si tratta solo di un canale di comunicazione

Ciò che molti sottovalutano è l’opportunità che offrono strumenti di messaggistica come Facebook Messenger: non solo potremo raggiungere i nostri clienti usando un tool per loro familiare, ma se sapremo sfruttarne appieno le potenzialità potremo approfittare del mezzo per regalare loro una user experience inedita e indimenticabile.

 

3. Non ci sono barriere

Quando parliamo di barriere ci riferiamo non soltanto alla semplicità e immediatezza della comunicazione, ma anche a eventuali problemi connessi all’accesso a questo genere di tecnologie. Anche dal punto di vista dell’azienda, costa molto di più concepire un’applicazione apposita (che va costruita, adattata per i vari sistemi operativi e lanciata sul mercato) piuttosto che servirsi dei chatbot che l’utente deve solo limitarsi ad aggiungere tra i contatti.

 

4. Lo scambio di messaggi è un’azione “sociale” di per sé

Essendo una funzionalità direttamente connessa all’uso dei social network, lo scambio di messaggi all’interno di Messenger può dare nuova linfa ai nostri affari dando una sferzata positiva anche alle condivisioni e alla nostra reputazione sui social network.

 

5. Il passaggio ai sistemi di messaggistica istantanea si sta diffondendo più velocemente di ogni altro tipo di tecnologia

Il confronto, in particolare, viene fatto in base alla velocità con la quale i consumatori hanno adottato i dispositivi mobile e la ragione di una simile tendenza è molto semplice: sono già in possesso degli strumenti necessari per giovare delle opportunità offerte da questa nuova tecnologia e la conoscono a fondo, dato che la usano quotidianamente.

 

L’invito di Facebook è proprio quello di sfruttare Facebook Messenger, così come le aziende hanno fatto in passato con i social network e con le tecnologie mobile.
Per ulteriori riflessioni e approfondimenti in merito vi invitiamo a leggere il post pubblicato sul blog ufficiale di Facebook Messenger dal product manager Kemal El Moujahid.

Related posts

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top