Strategia di video marketing: 4 tipi di video per 4 tipi di clienti - Blog di web marketing e social media marketing di Communication Village

Strategia di video marketing: 4 tipi di video per 4 tipi di clienti Una strategia di video marketing può dirsi vincente se tiene conto di ogni livello del funnel. Cerchiamo di saperne di più

Strategia di video marketing

Ogni strategia di video marketing per funzionare deve tenere passare attraverso delle tappe obbligate e delineare il tipo di target desiderato è una di queste. Anche quando optiamo per una comunicazione visuale è necessario conoscere e prevedere le preferenze dell’utente finale in modo da evitare scivoloni o brutte figure.

Abbiamo già affrontato l’importanza di pianificare i nostri contenuti sulla base del tipo di cliente che abbiamo di fronte; ma questa volta scenderemo ancora più nello specifico al fine di individuare le 4 tipologie di video che tengano conto delle tappe del funnel di vendita e che ci regaleranno una strategia di video marketing di sicuro successo.

 

1. Clienti potenziali

Per raggiungere coloro che non ci conoscono occorre procedere cercando di fare girare il nostro nome e quello dei nostri prodotti e servizi: dobbiamo cioè applicare le tecniche di brand awareness ricordandoci che la prima impressione è quella più importante. In questo senso meglio optare per video che mettano in mostra i benefici che possono derivare dall’uso del prodotto o servizio e in generale i punti di forza che ci contraddistinguono rispetto alla concorrenza. Via libera a video guide e/o di intrattenimento (purché rigorosamente brandizzati) che attirino l’attenzione del cliente, anche potenziale. Possiamo anche cercare di coinvolgere chi ci segue direttamente, ad esempio ponendo delle domande o richiedendo delle opinioni (in tal senso possiamo anche avvalerci dei video in diretta). Questa può essere un’ottima soluzione per instaurare un primo rapporto/dialogo cui seguirà la vendita vera e propria.

 

2. Clienti consapevoli che esistiamo, ma ancora non convinti del tutto

Una volta guadagnata l’attenzione del target desiderato occorre muoversi per spingere il cliente a compiere l’azione desiderata: da video capaci di suscitare sorpresa e di intrattenimento (seppur educativi in qualche modo), dobbiamo passare a video più focalizzati sulle caratteristiche del prodotto che mostrino le applicazioni pratiche dello stesso. Sono adatti a questa tipologia di cliente video tutorial e case history, ma è bene tenersi entro i 2 minuti di trasmissione: un tempo maggiore rischierebbe di annoiare l’utente e il risultato sarebbe un disastro.

 

3. Clienti convinti e pronti all’azione

Questa è una fase molto delicata: è vero che chi abbiamo di fronte è consapevole di ciò che vuole e dei benefici dei nostri prodotti e servizi, ma è anche vero che basterebbe un piccolissimo errore da parte nostra per mandare tutto all’aria. I video più adatti per far sparire ogni dubbio o remora sono quelli che mostrano un testimonial che usa il nostro prodotto e ne descrive le caratteristiche o racconta la propria esperienza. L’influencer marketing può senz’altro essere la strada giusta, ma anche usare testimonianze di clienti “normali” possono essere un’ottima idea: il cliente è portato a credere e a dare maggiore fiducia a un suo pari piuttosto che a un portavoce ufficiale dell’azienda.

 

4. Clienti che hanno già effettuato un acquisto

I clienti che si trovano in questo ultimo stadio del funnel spesso soffrono di una certa noncuranza: siamo così volti a convincere gli indecisi e raggiungere chi non ci conosce da ignorare coloro che già ci hanno mostrato interesse e fiducia. Le video guide continuano a essere un ottimo strumento (sebbene più approfondite e più lunghe e dettagliate rispetto a quelle fornite per le altre tipologie di clienti), così come i contenuti più leggeri. Ma se davvero vogliamo regalare un’esperienza unica a chi ci segue non possiamo non girare dei video del dietro le quinte: anticipazioni sui prodotti futuri e una sbirciatina ai processi creativi e materiali saranno di sicuro effetto.

Related posts

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top